Sportello MEPA

 In seguito all’entrata in vigore del d.l. 52/12, convertito poi nella legge 94/12,  le amministrazioni pubbliche hanno l’obbligo di ricorrere al MEPA per forniture di importo inferiore alla soglia di rilievo comunitario. Il MEPA è il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione.

Pagamenti rapidi – Dal 1° gennaio 2013 sono entrate in vigore le disposizioni del D.Lgs 9 novembre 2012 n.192, che ha recepito la direttiva comunitaria 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali. La norma si applica in generale, ad eccezione delle procedure concorsuali, “ad ogni pagamento effettuato a titolo di corrispettivo in una transazione commerciale” effettuata “tra imprese o tra imprese  e pubbliche amministrazioni”. Nel particolare la norma dispone che il pagamento deve essere effettuato entro 30 giorni dalla data di ricevimento della fattura, o di una richiesta di pagamento equivalente, da parte del debitore, salvo casi eccezionali e deroghe espressamente previste dal D. Lgs. n. 192/2012 nei quali il termine di pagamento comunque non può essere superiore a sessanta giorni. Il termine di 30 giorni è raddoppiato (quindi 60 giorni) per le imprese pubbliche e per gli enti pubblici che forniscono assistenza sanitaria.

Le amministrazioni pubbliche sono le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane, e loro consorzi e associazioni, le istituzioni universitarie, gli Istituti autonomi case popolari, le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN) e le Agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300.

I nuovi importi delle soglie dei contratti pubblici di rilevanza comunitaria sono di 130.000 euro per gli appalti pubblici di forniture da autorità governative centrali e di 200.000 euro per gli appalti pubblici di forniture aggiudicati da amministrazioni aggiudicatrici periferiche.

La procedura per prendere parte ai bandi MEPA si concretizza seguendo questi step:

  1. registrazione al portale www.acquistinretepa.it da parte dell’impresa;
  2. richiesta di abilitazione ad un bando, con annessa firma digitale per la domanda di abilitazione;
  3. eventuali osservazioni da parte di CONSIP sulla compilazione della domanda e del catalogo;
  4. accettazione dell’abilitazione e della partecipazione al bando e accettazione del catalogo;
  5. firma del catalogo;
  6. gestione del bando, del catalogo e delle future partecipazioni (da rinnovare comunque ogni 6 mesi).

Il tempo per l’abilitazione definitiva a ciascun bando può arrivare massimo a 45 gg.. I documenti e le informazioni necessarie per registrarsi al portale e abilitarsi al bando di riferimento sono:

  • visura camerale
  • codice INAIL e matricola aziendale INPS
  • numero della PAT (posizione assicurativa territoriale)
  • CCNL applicato e settore di riferimento
  • business key o la smart card per la firma digitale (si ritira gratuitamente alla prima emissione presso la propria Camera di Commercio: attenzione la CNS dura 3 anni, poi i certificati vanno rinnovati prima della scadenza)
  • scheda tecnica dei prodotti offerti da inserire nel catalogo (il catalogo va compilato con almeno 1 prodotto/servizio, i più urgenti da inserire per lavori con la Pubblica Amministrazione)
  • possesso di eventuali certificazioni (SOA, Qualità, ecc…)

 

Se il prodotto o servizio non è in nessuna di queste liste, non si potrà procedere all’abilitazione e la Pubblica Amministrazione è autorizzata a rivolgersi, in questo caso, al mercato tradizionale.

Confartigianato Imprese AP e FM è SPORTELLO PER LE IMPRESE e le assiste nella fase di abilitazione ai bandi MEPA e nell’ordinaria gestione del proprio account sulla piattaforma.

Per ulteriori chiarimenti, i referenti del servizio sono:

Daniele Ricciotti
tel. AP 0736.336402, FM 0734.229248, SBT 0735.81195 email: info@confartigianato.apfm.it