CONFARTIGIANATO HA INCONTRATO L’AUTOTRASPORTO

CONFARTIGIANATO HA INCONTRATO L’AUTOTRASPORTO

Spiegate tutte le novità introdotte dalla legge di Stabilità

Vivo interesse ha suscitato il partecipato incontro sulle nuove disposizioni per le imprese di autotrasporto contenute nella legge di stabilità. Proprio per aiutare le imprese ad approfondire queste importanti tematiche Confartigianato Trasporti Marche ha organizzato un incontro domenica 12 aprile presso il Best Western David Palace Hotel a Porto San Giorgio.
Nel corso dell’incontro sono stati trattati numerosi temi di interesse delle imprese di autotrasporto legati alla nuova normativa contenuta nella legge di stabilità, tra cui il regime della sub-vezione, l’eliminazione della scheda di trasporto, l’abolizione dei costi minimi di sicurezza, il divieto di sub-sub-vezione, l’obbligo del durc (documento unico di regolarità contributiva), le nuove disposizioni sulla capacità finanziaria, gli sconti sui pedaggi autostradali, i rimborsi accise sul gasolio, le linee di credito per il settore dell’autotrasporto.

Autotrasporto Porto San Giorgio

Ad essere presenti all’incontro sono stati il Presidente di Confartigianato Fermo Luca Soricetti, che hanno portato i saluti in apertura, mentre ad intervenire in qualità di relatori sono stati Giorgio Menichelli di Confartigianato Trasporti Marche, che, oltre a coordinare l’incontro, ha illustrato la nuova normativa contenuta nella legge di stabilità, e Désirée Basili, responsabile commerciale delle della Società Cooperativa “Pierucci”, che ha parlato delle possibilità di accesso al credito per il settore dell’autotrasporto.
Le conclusioni sono state affidate infine a Sergio Soffiatti, Segretario Nazionale Confartigianato Trasporti. Soffiatti ha incentrato il suo intervento sulla necessità di tagliare i costi delle imprese derivanti da una burocrazia asfissiante, sulla necessità di ridurre il costo del personale, specie quello viaggiante, anche attraverso forme di decontribuzione, la richiesta di un maggior coordinamento delle vari organi preposti al controllo sulle imprese e sulla strada. Lo stesso Segretario Nazionale ha voluto rimarcare l’importanza dello strumento dell’azione diretta, che permette al sub-vettore che non abbia ricevuto il pagamento dal vettore, di richiedere direttamente il pagamento della prestazione all’originario committente del trasporto.

Articoli correlati

Condividi questa notizia: