ISCRIZIONE DELL’INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA SU DUE O PIU’ DISTINTE IMPRESE

Pec 03-06-2014Considerato che l’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) iscritto nel Registro delle imprese ha carattere di ufficialità nel rapporto con i terzi e che lo stesso diviene il sistema di collegamento preferenziale o esclusivo della Pubblica Amministrazione, compresa l’Autorità Giudiziaria e l’Amministrazione Finanziaria, il Ministero dello Sviluppo Economico, con lettera-circolare prot. n. 77684 del 9 maggio 2014 ha fornito chiarimenti sull’obbligo di iscrizione della PEC delle imprese individuali e delle società nel Registro delle imprese, in relazione all’iscrizione della medesima PEC su due o più distinte imprese. 

Alla luce della normativa vigente, per ogni impresa, sia essa individuale che societaria, deve essere iscritto, nel Registro delle imprese, un indirizzo PEC “proprio” e quindi riconducibile ad essa in via esclusiva.
Al fine di fugare ogni possibile dubbio interpretativo, il Ministero, con lettera circolare prot. n. 0099508 del 23 maggio u.s., puntualizza che per il pieno conseguimento degli obiettivi dell’Agenda digitale italiana appare imprescindibile – e dovuta – l’adozione da parte di ogni impresa tenuta all’iscrizione nel Registro delle imprese, di un proprio univoco e autonomo indirizzo PEC, nonché l’iscrizione di detto indirizzo nel Registro medesimo. A seguito di tale orientamento e delle connesse istruzioni ministeriali si informa che da subito non sarà più utilizzabile un indirizzo PEC unico per più imprese. La Camera di Commercio invita a programmare la modifica degli indirizzi di posta elettronica certificata che risultano iscritti su più posizioni.

Articoli correlati

Condividi questa notizia: