ULTIM'ORA: FGAS, RINVIO DI 60 GIORNI

ULTIM'ORA: FGAS, RINVIO DI 60 GIORNI

Il rischio di avere, per motivi telematici, da domani – sabato 13 aprile 2013 – 200.000 impiantisti e autoriparatori ‘fuorilegge’ o senza lavoro appare, al momento, scongiurato con una proroga di 60 giorni accordato dopo le numerose segnalazioni di difficoltà che anche Confartigianato ha provveduto a proporre alle autorità competenti ed al Ministero dell’Ambiente, in particolare.

Il differimento del termine riguarda l’iscrizione al registro di persone e imprese che gestiscono apparecchiature contenenti gas serra. e si è reso necessario per i problemi manifestati dalla categoria.

Si tratta comunque, come ha affermato il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, di un provvedimento per il quale “non ci saranno, pertanto, ulteriori proroghe.”

Nei prossimi 60 giorni quanti interessati dovranno adeguarsi alla norma (il Dpr 43/2012) che impone a tutti gli operatori che installano apparecchiature contenenti gas serra (pompe di calore, gruppi frigoriferi, condizionatori d’aria, lavatrici industriali, climatizzatori in abitazioni e su auto) di iscriversi al Registro nazionale dei gas fluorurati per ottenere il certificato che li abilita ad operare.

Restano fissati tutti gli impegni previsti dalla normativa, un obbligo che carica gli imprenditori di nuovi costi ed adempimenti burocratici ma, soprattutto, che era divenuto impossibile nel rispettare i 60 giorni consentiti dalla legge con il termine del 12 aprile 2013.

Ora lo spiraglio di ulteriori 60 giorni consente di provvedere alla doppia registrazione per personale addetto ed impresa da certificare.

pdfDecreto_Ministero_Ambiente_0029238.12-04-2013.pdf

Articoli correlati

Condividi questa notizia: