SEMPLIFICAZIONI: PROROGA OBBLIGO DI COMUNICAZIONE DELL INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

Il Decreto Semplificazioni(D.L. 5/2012), ha disposto la proroga al 30 giugno 2012 del termine entro il quale le società che non hanno ancora provveduto, possono comunicare il loro indirizzo di Posta Elettronica Certificata alla Camera di Commercio. 
Ciò in quanto la mole di richieste da parte delle società nell’imminenza del termine ha reso impossibile per i gestori PEC (le Camere di Commercio) il rilascio a tutte le società della casella certificata nei tempi sanciti.

Si ricorda che, originariamente, l’art. 16, comma 6, del D.L. 185/2008  (decreto anticrisi), convertito nella legge 2/2009, aveva previsto l’obbligo per tutte le imprese costituite in forma societaria, di attivare un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC). Il termine per le società già iscritte nel Registro delle imprese alla data di entrata in vigore dello stesso D.L. 185/2008 (29 novembre 2008) e non ancora cancellate, era stato fissato a 3 anni dalla data di entrata in vigore del decreto (entro il termine del 29 novembre 2011).

Già il 3 novembre 2011 il Ministero dello sviluppo economico, con l’approssimarsi della scadenza del 29 novembre 2011, aveva diramato una circolare (3645/C) con cui forniva alle imprese e alle Camere di commercio le indicazioni operative per una corretta applicazione della normativa in materia di attuazione della nuova previsione. Di seguito, poi, lo stesso Ministero dello sviluppo economico è nuovamente intervenuto con una ulteriore circolare del 25 novembre 2011 con cui, di fatto, si disponeva un differimento del termine ultimo per l’adempimento richiesto. Per il tramite di questa nuova circolare, infatti, si invitavano le Camere di Commercio ad astenersi dall’applicare le sanzioni previste dall’art. 2630 c.c. alle società e ai soggetti che non avessero provveduto a comunicare al Registro delle imprese l’indirizzo di Posta Elettronica entro il termine del 29 novembre 2011dovendosi considerare «corretto adempimento» anche quello tardivo.

Da ultimo è intervenuto il Dl Semplificazioni che ha definitivamente prorogato l’obbligo a fine giugno 2012.

 

Articoli correlati

Condividi questa notizia: