SEGNALAZIONI DANNI MALTEMPO

———————————-

Aggiornamento! 

INVIARE LE SEGNALAZIONI ENTRO IL 28/02/2012 AL PROPRIO COMUNE UTILIZZANDO IL docModulo_denuncia_Danni_Comune.

———————————-

A seguito delle eccezionali nevicate verificatesi nelle ultime settimane,   le Associazioni datoriali fin da mercoledì 8 febbraio u.s. hanno chiesto lo slittamento dei termini di pagamento dei contributi INPS ed Inail o, in subordine ,la non applicazione delle sanzioni pecuniarie amministrative per i pagamenti effettuati in ritardo dalle imprese per sé e per i loro dipendenti.
Inoltre  venerdì 10 febbraio è stato chiesto   sia ad ABI Marche che alla Regione (di favorire per quanto nelle sue possibilità) di attuare una moratoria su tutte le scadenze di mutui, leasing, operazioni a breve di varia natura , tra i due-tre ed i sei mesi. 

Inoltre anche in base ad alcune segnalazioni di danni alle strutture degli opifici,  dei macchinari e delle scorte, abbiamo provveduto ad informare la Regione della gravità e della pervasività diffusa dei danni derivanti dal maltempo e dopo  un  incontro in regione ci è stata consegnata una scheda, allegata,  in base alla quale definire e riassumere i danni subiti dalle imprese, attraverso la rilevazione che sarà posta in essere sia dalle Associazioni provinciali che dagli Enti Locali. 

Inoltre si comunico che l’Assessore Marco Luchetti  ha  diffuso  una comunicazione riguardante la Cassa integrazione in deroga  e che  il Presidente Spacca  ha chiesto ufficialmente, al Presidente del Consiglio Monti, la sospensione  dei termini fiscali e previdenziali.
Questa la dichiarazione di Lucchetti:
“CIG IN DEROGA    PER  EVENTI  ATMOSFERICI   AVVERSI – Febbraio 2012 –
A seguito delle numerose richieste pervenute, l’Assessore Regionale Marco Luchetti, dopo aver sentito le parti sociali, ha  ritenuto ammissibile la richiesta di CIG in deroga con causale crisi aziendale derivante dagli eventi atmosferici avvenuti nel mese di febbraio 2012 che hanno provocato forti disagi ai lavoratori e alle aziende del territorio marchigiano.
Pertanto la CIG in deroga verrà riconosciuta alle aziende – prive di strumenti ordinari di sostegno al reddito- per il periodo massimo di una settimana/lavoratore ( 40 ore  ). 
Le 40 ore  CIG verranno conteggiate all’interno del massimale orario previsto dall’intesa del 25 gennaio 2012 (1038 ore ).
La sospensione  dovrà avvenire nel mese di febbraio 2012 e la causale specifica  riportata nel verbale di accordo sindacale.
Rimangono confermate tutte le procedure on line di inoltro dell’istanza nonché i termini di scadenza. L’invio telematico di tali richieste consentirà di indicare la particolare causale mediante un flag apposito.”

Riassumendo:

– allo stato e per quanto possibile la scheda di rilevazione va compilata ed aggiornata sulla base di dichiarazioni realistiche naturalmente, e accompagnate da fotografie dell’accaduto (su strutture, solai, tetti, coperture, macchinari e merci  comunque presenti ed in disponibilità dell’impresa ,dentro o fuori il fabbricato); ove possibile subito, diversamente appena possibile una dichiarazione a cura del titolare da conservare nella sua impresa, possibilmente sottoscritta da VV. UU. o personale di uffici tecnici comunali o altra autorità pubblica se intervenuta, magari protezione civile, e per confermare foto e dichiarazione. E’ da ipotizzare anche l’eventualità di far  redigere perizie stragiudiziali;
-allo stato per  la sospensione dei pagamenti in essere (INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate) ma non vi sono certezze sull’esito, stante il pagamento tra 1  giorno, il 16 febbraio;
– la richiesta fatta ad ABI Marche e Regione Marche di attuare una moratoria è allo studio ma sembra stiano attendendo un orientamento di ABI nazionale ed una decisione della Conferenza Stato – Regioni, presieduta dal Presidente della  Emilia Romagna;
– le schede  compilate dovranno essere  presentate alle Associazioni Provinciali, che le inoltrerà alla  sede regionale entro i primissimi giorni della settimana prossima,  anche al fine di comprendere l’entità complessiva, ancorché ancora stima indicativa, dei danni reali e con la  specifica del lucro cessante e del fermo attività.

Comunicazione dell’Assessore Regionale Sara Giannini:

“La scheda che abbiamo inviato è per avere una prima ricognizione, ancorché approssimata e integrabile nel tempo, sull’ammontare complessivo  dei danni subiti dall’apparato produttivo. 

La indicazione della sospensione dell’attività è finalizzata ad un prima quantificazione di ricorso alla CIG e CIG in deroga. 

Le imprese devono indicare i danni materiali subiti : si raccomanda di sollecitare alle imprese di dotarsi di tutte le documentazioni utili a comprovare il danno: raccolta documentazione fotografica dei danni materiali subiti (possibilmente con data e ora), raccolta documentazioni amministrative utilizzabili come “pezze d’appoggio”, asseverazione pubblica (laddove possibile di un pubblico ufficiale) o eventualmente anche perizia giurata. Relativamente alla quantificazione questa può essere indicata ove e se possibile, come pure il lucro cessante .

Il riferimento è ovviamente per le attività che hanno un  insediamento produttivo nel territorio comunale. 

E’ bene ricordare che le indicazioni raccolte servono al solo fine di monitoraggio e non costituiscono alcuna forma di richiesta di intervento pubblico. Eventuali misure saranno concordate con le associazioni di categoria.

Sara Giannini”

xlsModulo_Raccolta_Dati.xls

 

Articoli correlati

Condividi questa notizia: