PROGRAMMA AR.CO: IN TILT IL SISTEMA TELEMATICO

Doveva accogliere le domande per i sussidi

La Confartigianato UAPI comunica che il sito web destinato ad accogliere le domande di sussidio in favore dell’occupazione, misura prevista dal programma AR.CO (www.arco.italialavoro.it) è risultato per tutta la giornata di martedì 2 febbraio irraggiungibile. L’impossibilità dell’accesso, confermata agli uffici Confartigianato UAPI dagli addetti del progetto AR.CO, è stata segnalata già dalle prime ore del 1° febbraio, data dalla quale era possibile per le imprese in regola con i requisiti richiesti, caricare le domande per l’accesso ai sussidi previsti in materia di occupazione.

I responsabili della gestione informatica del programma AR.CO, (il cui sito accoglierà le domande entro non oltre il 31/08/2010) hanno comunicato che al momento il sito non riesce a gestire l’elevato numero di tentativi di accesso e che si sta lavorando per risolvere il problema e quindi permettere a tutti gli utenti di poter effettuare la procedura di registrazione in maniera corretta. Tale disservizio è stato dovuto allo straordinario interesse manifestato dai destinatari dell’intervento. Il malfunzionamento registrato è infatti una conseguenza dell’enorme numero di richieste di adesione. Dal sito del programma AR.CO una comunicazione ricorda che nessuna richiesta di registrazione è andata a buon fine e, al fine di assicurare la massima correttezza della procedura, nel rispetto dei principi di trasparenza e di parità di trattamento, il funzionamento del sistema informatico è stato interrotto. Le informazioni circa i termini di riapertura delle registrazioni saranno al più presto pubblicate sui siti: www.italialavoro.it nella sezione bandi, www.servizilavoro.it nella sezione riservata al Programma AR.CO., www.arco.italialavoro.it e sul sito del Ministero del Lavoro www.lavoro.gov.it. La Confartigianato UAPI invita quanti fossero interessati ad accedere al sito a rivolgersi agli uffici dell’associazione (0736.336402 e 0734.226733) e fare riferimento al sito www.uapi.org . Ricordiamo che il progetto AR.CO del Ministero del Lavoro è finalizzato alla concessione di un bonus per l’assunzione a seguito di inserimento occupazionale. Tra i soggetti ammessi, vi sono le imprese iscritte all’Albo delle imprese artigiane la cui attività sia riferita a specifici codici Ateco e con sede operativa nei comuni specificati dal bando; le imprese del settore Commercio (Turismo) iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA la cui attività sia riferita a specifici codici Ateco e con sede operativa nei comuni specificati dal bando. Le tipologie di assunzione riguardano i lavoratori a tempo indeterminato, pieno o parziale e la trasformazione di contratti a termine (es: contratti a tempo determinato, collaborazioni a progetto…..) in rapporti di lavoro a tempo indeterminato pieno o parziale. A seguito di alcune richieste  di  chiarimento, la Confartigianato UAPI ha verificato con l’ufficio legale la  questione  rispetto  alla  possibilità  di accedere  al  contributo per quelle aziende che trasformino un contratto di apprendistato in un contratto a tempo indeterminato. Questa  tipologia  di  trasformazione non è ammessa al contributo in quanto l’apprendistato  è  già  di  per  sè finalizzato ad un rapporto di lavoro a tempo indeterminato; al termine dello stesso in assenza di comunicazione da parte  del datore  di  lavoro il contratto si trasforma automaticamente in contratto a tempo indeterminato.

Pertanto, i contributi previsti per i datori di lavoro sono di 5.000,00 euro lordi nel caso di assunzione di lavoratori con contratto a tempo indeterminato pieno; 3.750,00 euro lordi per l’assunzione di lavoratori con contratto a tempo indeterminato parziale (almeno 30 ore settimanali) e di 3.000,00 euro lordi per l’assunzione di lavoratori con contratto a tempo indeterminato parziale (almeno 24 ore settimanali).

Articoli correlati

Condividi questa notizia: