SEMINARIO SULLA SICUREZZA NEI CANTIERI

A dispetto del generale andamento che vede in progressivo miglioramento le condizioni di sicurezza dei lavoratori ed in calo il fenomeno infortunistico, i cantieri permangono come settore ad elevata pericolosità e restano gravati da un alto carico di infortuni sul lavoro. Otto anni di applicazione della legge 494 sembrano essere trascorsi invano o con risultati modesti, e gli obblighi introdotti da successivi provvedimenti legislativi, pur impegnativi sotto i profili della responsabilità e degli impegni economici, trovano spesso scarsa o parziale applicazione nel mondo delle costruzioni.

E’ evidente la necessità per il settore di acquisire una maggiore e migliore consapevolezza degli obblighi che incombono sui diversi ruoli, ma anche delle opportunità di miglioramento e di crescita profesisonale che tali obblighi possono fornire.

Al fine di fornire una corretta informazione agli operatori sul quadro legislativo e tecnico in materia di sicurezza e salute nei cantieri, UAPI Confartigianato Imprese di Ascoli Piceno e Fermo e la Sezione Marche dell’AIAS (Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza) hanno organizzato un incontro tecnico di aggiornamento e di approfondimento rivolto agli imprenditori edili, ai lavoratori del settore, ai progettisiti, ai tecnici di cantiere e ai consulenti.

L’incontro si terrà il 16 settembre 2005 alle ore 17,30 presso la sala riunioni della Banca Picena Truentina di Centobuchi, ed è a partecipazione libera.

I lavori prevedono le relazioni tecniche dell’ing. Vincenzo Zaffarano, coordinatore nazionale dell’OACC (organismo AIAS dei coordinatori della sicurezza nei cantieri) e responsabile della sezione Marche AIAS, e del responsabile regionale Confartigianato Edilizia, sig. Marco Pantaleoni; sono inoltre previsti interventi del direttore Cassa Edile CEDAM, Marco Falcioni, di Marco Baldazzi della Nuova Tirrena Assicurazioni, e del presidente della categoria Edilizia di UAPI Confartigianato Imprese, sig. Francesco Silvi.

Articoli correlati

Condividi questa notizia: